Qual è il migliore forno a gas per pizza professionale?

Qual è il migliore forno a gas per pizza professionale?

La scelta del miglior forno a gas per pizza professionale dipende da molti fattori. Scopri quali sono tutte le caratteristiche da valutare prima dell’acquisto.

Individuare il miglior forno a gas per pizza professionale richiede un po’ di tempo e pazienza, soprattutto se è il primo che si acquista. Dal forno dipendono, infatti, la cottura delle pizze, ma anche la rapidità con la quale si serviranno i clienti, così come i consumi.

Scegliere un forno a gas per pizza professionale performante significa, dunque, semplificare tanto il lavoro giornaliero, quanto la qualità del servizio e dei prodotti offerti.

Tuttavia, ogni attività ha le proprie peculiarità e a concorrere alla scelta del modello perfetto possono esserci numerosi fattori. Budget, spazio a disposizione, specifiche esigenze di produzione e tipo di pizza da cuocere sono tra i più importanti.

Vediamo, dunque, quali sono le considerazioni da fare prima di scegliere il forno per pizza professionale più adatto alle proprie esigenze.

Come scegliere il forno a gas per pizza professionale?

Come scegliere il forno a gas per pizza professionale?

Prima di scegliere il miglior forno a gas per pizza professionale, è bene valutare con attenzione quali sono le proprie esigenze specifiche.

Conoscere quali sono le proprie necessità produttive e, dunque, quante pizze cuocere ogni giorno, è indispensabile per individuare la giusta capacità del forno.

Un elevato volume di produzione potrebbe richiedere l’acquisto di un forno per pizzeria a camera multipla o, addirittura, di un forno a tunnel.

La dimensione del forno a gas deve essere adeguata alla produzione, ma anche allo spazio che si ha a disposizione. Sul mercato è possibile trovare soluzione compatte con prestazioni che non hanno nulla da invidiare ai modelli più ingombranti.

Altro fattore da tenere in considerazione riguarda il tipo di prodotto da sfornare. Pizze al piatto, in teglia o prodotti industriali? Per ciascuna pizza esiste la soluzione ideale.

Inoltre, prima dell’acquisto di un forno a gas per pizza professionale andrebbe individuato il budget a propria disposizione. I forni a gas per pizzeria possono variare notevolmente nel prezzo in base alle dimensioni e alle caratteristiche.

Quali caratteristiche deve avere il forno

Quali sono le caratteristiche da cercare in un forno a gas per pizzeria?

Una volta stabiliti budget, volume e tipologia di produzione, ci sono alcune caratteristiche da cercare affinché il forno a gas per pizzeria risponda alle proprie esigenze commerciali.

In primo luogo, un forno a gas per pizzeria deve avere una qualità costruttiva elevata, deve poter raggiungere temperature elevate e mantenerle costanti, contenendo i consumi. Una camera di combustione rivestita in materiale refrattario e un adeguato isolamento termico incidono considerevolmente sia sulla cottura delle pizze, sia sulla bolletta del gas.

La temperatura del forno deve essere facile da gestire, alcuni modelli offrono funzionalità aggiuntive, come pannelli digitali di controllo che semplificano il lavoro. Inoltre, un forno ben progettato deve prevedere elementi in grado di agevolare il lavoro. Maniglie ergonomiche, celle di lievitazione e una visione completa della camera di cottura rappresentano sicuramente un plus.

Nella scelta del forno a gas per pizzeria andrebbe presa in considerazione anche la facilità di pulizia e manutenzione.

Il migliore forno a gas per pizza professionale, infine, non può prescindere dalla conformità alle normative riguardanti la sicurezza e disporre di bruciatori di ultima generazione.

Riassumendo il miglior forno a gas professionale per pizza deve avere:

  • Elevata qualità costruttiva;
  • Ottimo isolamento termico;
  • Facilità di gestione della temperatura;
  • Plus utili ad agevolare il lavoro;
  • Semplicità di pulizia e manutenzione;
  • Rispondere alle normative vigenti in materia di sicurezza.

Per chi ha una cucina a vista c’è un ultimo elemento da tenere in considerazione: il design. Esistono forni a gas per pizza professionali dall’estetica accattivante e personalizzabili nelle finiture per adattarsi a qualsiasi spazio.

Quali tipi di pizze vengono cotte meglio con un forno a gas?

Quali tipi di pizze vengono cotte meglio con un forno a gas?

Un forno a gas per pizza professionale è uno strumento versatile che può cuocere vari tipi di pizza. Tuttavia, alcune tipologie di impasto possono beneficiare particolarmente della cottura in un forno a gas.

Se realizzato con una camera di cottura in pietra refrattaria in grado di raggiungere temperature elevate, un forno a gas può cuocere anche le pizze napoletane.

In questo caso i materiali e la qualità costruttiva fanno la differenza. Entrambi sono fattori indispensabili per cuocere rapidamente questa tipologia di pizza in modo uniforme.

Un forno a gas per pizzeria può cuocere perfettamente anche la pizza alla pala, riuscendo a sfornare più pizze contemporaneamente. Caratteristica fondamentale per le attività ad alto volume produttivo.

I forni a gas per pizza professionali offrono un controllo preciso della temperatura. Questo permette di cuocere anche le pizze gourmet in modo impeccabile, senza bruciare gli ingredienti delicati del topping.

Qual è il miglior forno a gas per pizza professionale in commercio? Il modello Eco-gas

Qual è il miglior forno a gas per pizza professionale in commercio?

Il miglior forno a gas per pizza professionale è quello realizzato con materiali e tecnologie all’avanguardia, in grado di rispondere al meglio alle proprie esigenze.

Italforni, da più di 40 anni, cura i propri forni a gas per pizza professionali in ogni dettaglio costruttivo, utilizzando solo i migliori materiali disponibili sul mercato.

La gamma delle soluzioni proposte è ampia e permette di rispondere alle esigenze di ciascuna pizzeria. Personalizzabili nel numero di camere di cottura (come ad esempio il modello Eco-Gas), le proposte Italforni riescono ad adattarsi ad ogni contesto produttivo.

Ciascun modello offre un isolamento termico garantito in grado di offrire prestazioni elevate e ridotti consumi energetici.

I particolari bruciatori atmosferici con valvole di sicurezza assicurano la massima sicurezza in tutti i forni a gas professionali dell’azienda.

Affidarsi a professionisti del settore come Italforni, con un’esperienza pluriennale alle spalle, rappresenta indubbiamente una garanzia in fatto di affidabilità, qualità e durata nel tempo.

Contattaci per richiedere informazioni

Forni per pizza, come scegliere quelli giusti?

Forni per pizza, come scegliere quelli giusti?

I forni per pizza professionali differiscono per tipologia di alimentazione, tecnologia e consumi. Scopri quali sono quelli più adatti alla tua attività.

I forni per pizza più moderni sono evoluti, dotati di tecnologia avanzata e pensati per ridurre al massimo i consumi.

Oltre ad essere in grado di offrire prestazioni di cottura eccezionali, sono progettati per essere facili da pulire e programmare, così da poter agevolare al massimo il lavoro dei pizzaioli (anche dei meno esperti).

E se la qualità dei materiali e la cura nella progettazione sono elementi da non sottovalutare in fase di acquisto, da non trascurare è anche il design del forno, soprattutto se la cucina è a vista.

Tra le numerose proposte presenti sul mercato, con differenti tipologie di alimentazione e caratteristiche tecniche, scegliere il forno per pizza professionale più adatto alla propria attività non è sempre semplice.

Scopriamo allora le caratteristiche dei diversi modelli in commercio, il loro rendimento e quali sono le novità di settore, così da sfornare pizze cotte alla perfezione ottimizzando i consumi quanto il lavoro.

I segreti per trovare il forno per pizza ideale. Diamond di Italforni

I segreti per trovare il forno per pizza ideale

Per poter scegliere il forno per pizza professionale migliore per la propria attività è indispensabile prendere in considerazione la tipologia e il numero di pizze che si devono sfornare ogni ora.

In commercio è possibile trovare forni che dispongono di una o più camere di cottura che riescono a sfornare 60 pizze all’ora, così come 150 nei modelli più grandi. Scegliere la giusta dimensione è importante perché permette di servire con rapidità i clienti, ottimizzando al massimo i consumi.

In base al tipo di pizza che si vuole realizzare, per ottenere risultati di cottura impeccabili è necessario che il forno sia in grado di gestire al meglio il calore. Ecco perché investire in modelli realizzati con materiali di qualità e tecnologia avanzata può fare un’enorme differenza tra uno strumento di cottura e l’altro.

Una volta individuata la giusta dimensione e un’ottima qualità costruttiva non resta che valutare: di quali programmi si ha bisogno per facilitare il lavoro giornaliero; il grado di manutenzione richiesta; il design più adatto al proprio locale (soprattutto se la cucina è a vista).

Scarica la guida alla scelta del giusto forno per la tua attività

Confronto tra forni elettrici e a gas per pizzeria

I forni per pizza elettrici di nuova generazione sono oggi tra i modelli più richiesti dai professionisti del settore grazie alle automazioni di cui dispongono, alla facilità di utilizzo e alle elevate prestazioni di cottura offerte.

Infatti, le recenti innovazioni tecnologiche hanno permesso il raggiungimento di temperature molto elevate che possono raggiungere i 530 °C, a fronte di un consumo di energia sempre più ridotto. Ne è un esempio il forno per pizza elettrico Caruso® di Italforni.

Il grande vantaggio dei forni elettrici è quello di permettere una gestione precisa della temperatura (che in alcuni modelli può essere differenziata tra cielo e platea) e di poterla modulare a proprio piacimento in base al tipo di impasto. Le soluzioni più moderne dispongono, inoltre, di programmi di cottura preimpostata, di accensione automatica e di pulizia pirolitica.

Hanno in comune con i forni alimentati a gas l’estrema praticità, dal momento che richiedono una bassa manutenzione e sono facili da pulire.

La caratteristica principale dei forni a gas è la cottura statica che, grazie alla sua delicatezza, consente ai prodotti di lievitare nei tempi e nei modi corretti. Alimentati a GPL o metano, i forni per pizza a gas hanno una gestione intuitiva e immediata e hanno il pregio di essere particolarmente veloci nel raggiungere la temperatura di esercizio.

Confronto tra forni elettrici e a gas per pizzeria

Rendimento termico e prestazioni di cottura dei forni per pizza

Per arrivare alla giusta temperatura, alcuni forni per pizza devono essere accesi un’ora o due prima del servizio, per poi restare in funzione diverse ore.

Considerando l’aumento dei costi legati a elettricità e gas degli ultimi tempi, diventa fondamentale scegliere modelli di ultima generazione in grado di contenere i consumi.

I migliori forni per pizzeria professionali dispongono di un’elevata efficienza termica, grazie a materiali di qualità e a componenti innovative in grado di garantire solidità e resistenza anche alle temperature più alte, massime prestazioni e consumi contenuti.

Nei forni per pizza Italforni particolari accorgimenti strutturali garantiscono il giusto rendimento termico, coadiuvati da apposite funzioni pensate per offrire il massimo risparmio energetico come:

  • Modalità stand-by, utile a risparmiare energia durante i momenti di inutilizzo del forno;
  • Funzione di gestione del calore accumulato che permette di ottimizzare l’energia sul finire del servizio;
  • Tecnologia “Heating Speed” che, velocizzando la velocità di riscaldamento del forno, riesce a contenere i consumi;
  • Thermal Insulation e Strong Isolation che aumentano l’isolamento termico del forno e riducono al minimo le dispersioni di calore.

Ma quanto consuma un forno elettrico per pizzeria? Solitamente il consumo medio per un forno elettrico dalla capacità di 4 pizze varia dai 4,6 kW ai 6 kW.

Rendimento termico e prestazioni di cottura dei forni per pizza. Bull di Italforni

Manutenzione e durata dei forni per pizza

Rispetto ai tradizionali forni a legna, i moderni forni per pizza elettrici e a gas non richiedono un grande dispendio di energie per la manutenzione.

Per quanto riguarda la pulizia è sufficiente rimuovere eventuali residui di farina o detriti dalla platea, e sotto la porta del forno, con una piccola spazzola a fine serata. Alcuni forni elettrici, inoltre, dispongono di un pratico programma di pulizia automatico con funzione pirolitica.

Oltre a offrire ottime prestazioni e funzionalità, i migliori forni per pizza sono realizzati con materiali e componenti di qualità in grado di garantire solidità e resistenza non solo alle alte temperature, ma anche all’usura e al passare del tempo.

Scarica i cataloghi dei forni Visor, Diamond e Bull

Quali sono le migliori marche di forni per pizza sul mercato?

Da oltre quarant’anni, Italforni realizza forni per pizza in modo artigianale, ponendo la massima cura in ogni dettaglio costruttivo. Per farlo utilizza solo i migliori materiali e le più recenti tecnologie disponibili sul mercato così da garantire i migliori risultati possibili.

I forni per pizza elettrici come Caruso, Visor, Diamond e Bull coniugano innovazione, tecnologia ed estetica con il massimo dell’efficienza energetica. Ma riescono comunque a raggiungere le elevate temperature necessarie per cuocere qualsiasi tipo di pizza, compresa quella napoletana.

Nell’ampia gamma di proposte Italforni è possibile trovare anche forni a gas modulari per pizzerie, come ad esempio il modello Eco-Gas. Pratico da usare e veloce nel raggiungere la temperatura di esercizio, questo forno riesce a offrire risultati di cottura eccellenti con consumi ridotti.

I forni per pizza Italforni, frutto del miglior Made in Italy, sono dunque sinonimo di qualità, versatilità, efficienza, design ed eccellenti prestazioni di cottura che durano nel tempo.

Contattaci per richiedere informazioni

I vantaggi del forno trivalente professionale

2 forni trivalenti professionali

ll forno trivalente professionale, o forno combinato, sfrutta la produzione di vapore per cuocere gli alimenti. Scopri tutti i vantaggi che offre.

I forni professionali pensati per la ristorazione sono sempre più evoluti e tecnologicamente avanzati. I modelli più moderni rispondono a severi parametri di qualità e sono pensati per combinare risultati ottimali, massimizzando il risparmio energetico e aumentando la sicurezza.

In particolare, il forno trivalente professionale rappresenta una soluzione sempre più apprezzata da molteplici attività per la sua versatilità. Riesce, infatti, ad adattarsi a ogni tipo di cucina ed è facile da utilizzare anche dal personale meno esperto.

La principale caratteristica dei forni combinati è che offrono la possibilità di aggiungere vapore durante la cottura. Producendo calore sia secco sia umido si prestano così a un ampio ventaglio di cotture, anche molto diverse tra loro. Riescono così a soddisfare alla perfezione le esigenze di gastronomie, panetterie, pasticcerie e catering.

Vediamo allora nel dettaglio come funzionano i forni trivalenti e quali sono i vantaggi che offrono.

Cos’è un forno trivalente professionale?

Il forno trivalente professionale è uno strumento che sfrutta 3 elementi per la cottura:

  1. Calore
  2. Vapore
  3. Ventilazione

Conosciuto anche come forno combinato (o forno a convezione di vapore), il forno trivalente consente di produrre e gestire la percentuale di vapore in base alle pietanze da cuocere. È così possibile creare così le condizioni ottimali per la realizzazione di diverse ricette.

I forni trivalenti professionali offrono la possibilità di:

  • Cuocere senza umidità: per ricette che richiedono la grigliatura, la rosolatura o la disidratazione
  • Cuocere con calore misto (con una minima percentuale di umidità): per realizzare arrosti, brasati o alcune preparazioni di pasticceria
  • Cuocere a vapore (con un’elevata percentuale di umidità nella camera di cottura): creando le condizioni ottimali per sottovuoti, rigenerazioni o cotture lunghe e a vapore

I forni combinati rappresentano, dunque, una valida soluzione per tutti quei professionisti che operano nel settore della gastronomia, della pasticceria, della panetteria, ma anche del fast food e dell’hotellerie, che necessitano di strumenti versatili in grado di generare vapore.

Scarica la guida alla scelta del giusto forno per la tua attività

Quali sono le tipologie di forno elettrico?

I forni elettrici professionali sono particolarmente apprezzati per la versatilità delle cotture che offrono, l’implementazione di tecnologia all’avanguardia, l’affidabilità e la facilità di utilizzo.

Altro plus da non sottovalutare è la semplicità di installazione: è sufficiente inserire la spina nella presa di corrente per iniziare a sperimentare le molteplici possibilità di cottura.

I forni elettrici sono anche molto facili da pulire. Infatti, non ci sono residui di combustione da rimuovere (come nei forni a legna) e, molto spesso, sono dotati di programmi di pulizia automatica.

Sul mercato è possibile trovare diversi modelli che si differenziano per lo più in base a: capienza; design; livello di innovazione tecnologica; temperatura che riescono a raggiungere; funzioni di cui sono dotati.

Tuttavia, i forni elettrici vengono suddivisi in base alla modalità di cottura. Le tipologie principali sono:

  1. Forni statici: gli alimenti vengono cotti grazie al calore generato dalle resistenze elettriche nella camera di cottura
  2. Forni a convezione forzata o ventilati: una o più ventole generano un moto d’aria all’interno della camera di cottura. Riescono così a distribuire meglio il calore e favorire una maggiore penetrazione nei cibi
  3. Forni trivalenti: uniscono la funzione ventilata a quella del controllo dell’umidità. Ciò li rende particolarmente versatili. Sono, infatti, in grado di realizzare sia cotture spinte (come la grigliatura), sia quelle più delicate (come quelle a vapore)

In base alla loro struttura, invece, i forni elettrici professionali possono essere suddivisi in:

  • Forni elettrici modulari a più camere: composti da più camere di cottura sovrapposte l’una all’altra
  • Forni elettrici a tunnel: il prodotto da cuocere scorre su un nastro trasportatore attraversando tutta la struttura del forno e ne esce perfettamente cotto

Tenendo conto delle dimensioni della propria attività e del tipo di prodotto offerto è possibile individuare il forno elettrico professionale con le caratteristiche più adatte alle proprie necessità e ai propri obiettivi.

Carne arrosto cotta in un forno trivalente professionale Italforni

Quali sono le differenze tra forno a convezione e ventilato?

Come abbiamo appena visto il forno a convezione è un forno ventilato.

Questo significa che l’aria calda viene fatta circolare all’interno della camera di cottura grazie a delle ventole che generano dei moti convettivi. In questo modo la temperatura interna è uniforme in ogni livello di posizione teglia.

I vantaggi di un forno ventilato rispetto a uno statico sono molteplici:

  • Uniformità di cottura maggiore
  • Possibilità di gestire contemporaneamente diversi alimenti in quanto la circolazione dell’aria evita la commistione degli odori e dei sapori in camera di cottura
  • Risparmio energetico superiore

I modelli a convezione sono i forni ideali per chi opera nel settore della gastronomia, ma anche della pasticceria, grazie alla precisione delle cotture.

I vantaggi del forno professionale trivalente

I forni trivalenti professionali rappresentano un’evoluzione dei forni a convezione appena visti.

Coniugano tutti i vantaggi del forno ventilato alla funzione del vapore riuscendo così a offrire un ampio ventaglio di possibilità in cucina.

I principali vantaggi nell’utilizzo di un forno trivalente professionale sono:

  1. Versatilità
  2. Riduzione dei tempi di cottura
  3. Risparmio energetico
  4. Ottimizzazione del lavoro della brigata di cucina che opera in modo più dinamico e organizzato

I moderni forni combinati multifunzione sono caratterizzati da una serie di automatismi di nuova generazione che li rendono facili e intuitivi da usare, oltre che estremamente precisi nelle cotture.

A fare del forno trivalente professionale uno strumento indispensabile per svolgere il lavoro giornaliero in cucina, troviamo:

  • Risultati di cottura impeccabili
  • Efficienza nei consumi
  • Affidabilità
  • Possibilità di programmazione
  • Realizzazione di cotture tanto manuali quanto automatiche

Solitamente questa tipologia di forni è dotata di una funzione di pulizia automatica. Questa, grazie a un comodo sistema di autolavaggio, garantisce la massima igiene e un notevole risparmio di tempo da parte del personale.

Forno trivalente professionale: Totem di Italforni

Come scegliere il miglior forno trivalente

Scegliere il forno trivalente professionale migliore per la propria attività non è così difficile come potrebbe sembrare a prima vista.

Aziende leader del settore come Italforni mettono a disposizione dei propri clienti un team di consulenti specializzati in grado di affiancare i professionisti nella scelta del forno professionale perfetto per ciascuna attività.

I modelli ideati da Italforni sono in grado di adattarsi a ogni cucina o laboratorio, garantendo sempre performance di cottura elevate, affidabilità, modularità, efficienza e facilità di utilizzo.

Totem è una delle soluzioni Italforni progettate per le gastronomie, ma in grado di soddisfare anche le necessità della panetteria e della pasticceria più esigente.

Offre altissime funzionalità, come la cottura Delta T, ed è composto da:

  • Un forno ventilato a iniezione diretta e velocità regolabile della ventola con controllo dell’umidità
  • Un forno statico con camera di cottura in lamiera di acciaio alluminata e piano di cottura in refrattario

Queste caratteristiche lo rendono un forno particolarmente versatile per realizzare cotture diverse tra loro e pratico nell’utilizzo e nella pulizia (grazie al sistema di lavaggio automatico integrato).

Scegliere un forno professionale all’avanguardia come Totem offre l’opportunità di sperimentare in cucina e valorizzare la professionalità dello chef.

Contattaci per richiedere informazioni

Quale forno utilizzare per il pane?

Quale forno utilizzare per il pane?

Un forno per il pane deve offrire risultati ottimali, bassi consumi e non solo. Leggi l’articolo per scoprire qual è il miglior forno per il tuo panificio.

Il pane in Italia è il protagonista indiscusso della tavola e il merito è anche dei panificatori. Questi professionisti, pur rispettando la tradizione, propongono prodotti nuovi e particolarmente interessanti a una clientela sempre più esigente.

Impasti fatti con grani antichi, tecniche di lievitazione naturale e artigianalità vengono combinati sapientemente dai fornai con nuove tecnologie e conoscenze scientifiche.

Il forno per pane deve essere, quindi, uno strumento in grado di adattarsi alla varietà produttiva, semplificare il lavoro dei panettieri e velocizzare i tempi. Non solo: deve garantire sempre cotture impeccabili e uniformi, qualsiasi sia la ricetta utilizzata.

Scopriamo allora quali sono le caratteristiche che un forno per il pane deve possedere oggigiorno, per poter rispondere alle esigenze delle nuove generazioni di fornai.

Iniziamo.

Scarica la guida alla scelta del giusto forno per la tua attività

Che tipo di forno serve per il pane?

Il forno per panificio deve essere progettato per consentire un controllo estremamente preciso della temperatura, dell’umidità e del vapore al suo interno. Caratteristiche, queste, indispensabili per ottenere un pane dall’alveolatura perfetta e il giusto livello di croccantezza della crosta.

Per gestire al meglio la temperatura all’interno della camera di cottura, si deve tener conto della modalità con cui viene generato il calore e da come quest’ultimo viene trasmesso.

Per questo motivo è fondamentale ricercare un forno per panificio realizzato con materiali di qualità. In special modo quelli refrattari, che devono poter resistere alle alte temperature e mantenerle costanti.

La struttura esterna del forno per pane deve essere ben isolata, affinché il calore non venga disperso verso l’esterno. In questo modo oltre ad una cottura migliore si ha il vantaggio di contenere i consumi e di poter lavorare in un ambiente più fresco.

I migliori forni professionali per panificio sono, quindi, quelli che utilizzano:

  1. Materiali di alto livello per poter garantire il mantenimento costante della temperatura all’interno della camera di combustione, evitando gli sbalzi termici
  2. Tecnologie all’avanguardia per la gestione del calore

La componente tecnologica del forno si rivela particolarmente utile per semplificare il lavoro e permettere una gestione precisa e puntuale della temperatura.

Poter contare su uno strumento che consente di programmare l’accensione, impostare le temperature e i tempi di cottura e misurare il livello di umidità all’interno della camera di cottura rappresenta sicuramente un enorme vantaggio.

Forno per pane: quale utilizzare? Windy di Italforni

Tipologie di forni per il pane

Le tipologie di forni per il pane sono molteplici dal momento che sono pensate per poter rispondere alle esigenze di attività molto diverse tra loro. Queste differenze possono derivare sia dalla tipologia di prodotti realizzati sia dalla quantità e dalle modalità produttive.

Sul mercato è possibile trovare:

  • Forni per pane a platea
  • Forni per pane a tunnel

Nei piccoli laboratori artigianali la soluzione più diffusa è quella di un forno a platea che dispone di diverse camere di cottura. Al contrario, in attività più grandi vengono spesso utilizzati i forni a tunnel.

Quest’ultima tipologia di strumenti può essere integrata nelle linee di produzione automatica, dove semplifica la gestione del lavoro. Inoltre, si rivela perfetta per cuocere diversi prodotti come: pane tradizionale, pane arabo, ma anche pizza, crostini e bruschette.

Nei forni per pane a tunnel, il funzionamento è particolarmente semplice: si basa su un nastro trasportatore su cui si posizionano i prodotti. Gli stessi vengono fatti passare tra due fonti di calore, che li restituiscono cotti e fragranti, mantenendo bassi i consumi.

I forni per panificio possono essere suddivisi anche in base al tipo di alimentazione:

  • Forni a gas per pane
  • Forni elettrici per pane

Nei forni alimentati a gas, il calore è prodotto da un bruciatore che genera una fiamma che va a scaldare il forno rendendo la cottura molto versatile.

Tuttavia, sempre più panifici preferiscono utilizzare i forni elettrici, dal momento che riescono a diffondere con maggiore uniformità il calore e offrono molteplici vantaggi. Vediamoli nel dettaglio.

Forno per pane: vantaggi del forno elettrico per la cottura del pane

I vantaggi del forno elettrico per la cottura del pane

Praticità di utilizzo, consumi ridotti e cotture omogenee e uniformi fanno dei forni elettrici per pane una delle soluzioni più performanti.

Nei forni elettrici è il riscaldamento delle resistenze a generare il calore necessario alla cottura. Questa caratteristica offre al panettiere la possibilità di poter differenziare la modalità di diffusione del calore: dall’alto, dal basso o da entrambe le parti.

I forni per pane elettrici, a differenza di altri tipi di alimentazione, permettono una facile impostazione e gestione della temperatura di cielo e platea. Il risultato è una cottura impeccabile e omogenea delle pagnotte.

Un altro aspetto da non sottovalutare è che i moderni forni elettrici professionali offrono solitamente una dispersione termica inferiore. Questa caratteristica, oltre a favorire la cottura del pane, permette di mantenere bassi i consumi.

Riassumendo i vantaggi del forno elettrico per la cottura del pane sono:

  1. Semplicità e praticità di utilizzo
  2. Gestione automatica della temperatura
  3. Possibilità di selezionare il differenziatore di calore tra cielo e platea
  4. Possibilità di accendere una singola camera di cottura o più di una
  5. Praticità di installazione (non è previsto l’utilizzo di una canna fumaria)
  6. Facilità di pulizia
  7. Consumi ridotti

Il forno elettrico per pane offre solitamente diverse combinazioni o programmi. Questo permette di realizzare cotture differenziate in base al tipo di prodotto da infornare e di agevolare il lavoro (soprattutto del personale meno esperto).

Inoltre, questa tipologia di forni, offre la massima superficie di cottura anche nei modelli più compatti. Questa caratteristica li rende ideali anche per chi dispone di laboratori di piccole dimensioni.

I migliori forni per panificio: Pastfood di Italforni

I migliori forni per panificio

Il miglior forno per pane professionale è quello:

  • Realizzato con tecnologia innovativa e materiali di elevata qualità
  • Che rispecchia le esigenze produttive e il modo di lavorare di ciascuna attività

I forni per panetteria migliori attualmente disponibili sul mercato sono stati progettati per garantire una distribuzione del calore omogenea e un elevato risparmio energetico.

Senza dimenticare la facilità di utilizzo data da: controllo digitale della temperatura e dell’umidità; possibilità di scegliere tra numerosi programmi; lavaggio automatico. Tutte queste funzioni semplificano notevolmente il lavoro dei fornai.

I forni per panetteria Italforni sono progettati appositamente per la cottura del pane. Inoltre, dispongono di tecnologia all’avanguardia in grado di offrire prestazioni di cottura elevate, consumi ridotti e la possibilità di sperimentare con impasti sempre nuovi.

Tutto con la certezza di poter contare su uno strumento di cottura preciso e affidabile.

Contattaci per richiedere informazioni

Forno elettrico per pizza, come scegliere il migliore?

Forno elettrico per pizza: come scegliere il migliore per la tua attività

Quando si sceglie un forno elettrico per pizza sono diverse le variabili da considerare. Scopri tutti i fattori da valutare prima dell’acquisto.

Efficienza produttiva, grado di innovazione tecnologica e facilità di utilizzo sono solo alcuni dei fattori che incidono sulla scelta del modello più adatto a rispondere alle proprie esigenze.

Del resto, il mercato oggi offre soluzioni sempre più avanzate sotto il profilo dell’innovazione, dei consumi energetici e delle prestazioni di cottura. Queste ultime, in particolare, non hanno più nulla da invidiare ai tradizionali forni a legna.

Anzi, i più moderni forni elettrici per pizza professionali offrono numerosi vantaggi come la facilità di installazione, la semplicità di utilizzo e la possibilità di gestire con estrema precisione la temperatura della camera di cottura.

Scopriamo allora cosa valutare prima di acquistare un forno elettrico per pizzeria e quali sono i migliori modelli in commercio per agevolare il lavoro dei pizzaioli. Anche durante le serate più movimentate!

Iniziamo.

Forno elettrico per pizza: quali sono i vantaggi per la cottura

Quali sono i vantaggi del forno elettrico per la cottura della pizza?

Il crescente successo dei forni elettrici per pizza professionali è sicuramente legato ai numerosi vantaggi che questa tipologia di forni può offrire che possono ricercarsi nella:

  1. Rapidità di installazione (e nelle dimensioni ridotte) rispetto ai tradizionali forni a legna
  2. Gestione automatica della temperatura con possibilità di regolarla in modo differente tra cielo e platea
  3. Versatilità di cottura delle diverse tipologie di pizza: napoletana, romana, gourmet ecc
  4. Velocità di pulizia, in quanto non ci sono residui di combustione da rimuovere
  5. Semplicità di manutenzione

La facilità di utilizzo è sicuramente uno dei motivi che spingono sempre più attività a preferire queste soluzioni, rispetto ai classici forni a legna che per l’utilizzo necessitano di personale qualificato.

Infatti, non tutti i ristoratori possono contare su personale esperto per la gestione del forno.

Optare per un forno elettrico per pizza, tecnologicamente all’avanguardia, consente di risolvere questo problema. Infatti, questo tipo di forno:

  • È facilmente utilizzabile anche da chi è alle prime armi
  • Permette di modulare e regolare la temperatura di cielo e platea in modo intuitivo, rapido e preciso

Oggi alcuni forni elettrici per pizza professionali riescono a raggiungere le stesse temperature dei migliori forni a legna. Ma con il grande pregio di poterle mantenere sempre costanti, permettendo così di sfornare pizze cotte in modo impeccabile e con consumi ridotti.

Le soluzioni più moderne sono spesso dotate di programmi di cottura preimpostati, funzioni Hi-Tech e dispongono di pratici accessori, pensati appositamente per agevolare il lavoro.

Ne sono un esempio la cella di lievitazione e la vaporiera, che possono semplificare il processo di cottura e migliorare la qualità del prodotto finale.

Inoltre, i forni elettrici professionali riescono a rispondere alle necessità di differenti tipologie di attività imprenditoriali.

Da quelle di piccole dimensioni con pochi coperti, magari appena avviate, a quelle in forte espansione che necessitano di soluzioni in grado di sfornare tante pizze a sera, nel minor tempo possibile con consumi contenuti.

Forno elettrico per pizza: cosa valutare prima dell'acquisto

Cosa valutare nella scelta di un forno per pizza elettrico?

Nei prossimi 10 anni si prevede che il mercato dei forni elettrici per pizzeria continuerà ad espandersi. Non c’è da stupirsi visti i numerosi vantaggi che questi strumenti di cottura offrono, ma cosa contraddistingue i modelli più avanzati e cosa valutare nella scelta di un forno per pizza elettrico?

I migliori forni elettrici per pizza in commercio si differenziano principalmente per:

  • Il grado di innovazione e tecnologia implementato
  • La qualità dei materiali utilizzati nella costruzione
  • Il design

I modelli differiscono, quindi, per tipologia di funzioni e programmi, per le temperature che riescono a raggiungere, per la capienza della camera di cottura e per la struttura.

Va da sé che la soluzione migliore è quella che possiede tutti i requisiti tecnici ed estetici più adatti a soddisfare le necessità specifiche della propria pizzeria.

In linea generale, però, ci sono alcune caratteristiche che un buon forno per pizza elettrico professionale dovrebbe possedere e sono:

  1. Dimensioni ed efficienza produttiva adeguate alla propria attività
  2. Innovazione tecnologica e programmi utili a garantire risultati impeccabili
  3. Uniformità di cottura
  4. Praticità di utilizzo
  5. Facilità di manutenzione
  6. Consumi ridotti

Da non dimenticare, quando si sta valutando l’acquisto di un forno elettrico per pizza professionale, è la rete di assistenza del rivenditore.

Ad esempio, i migliori produttori di forni professionali dispongono di consulenti qualificati e dislocati su tutto il territorio. Queste figure sono in grado di fornire tutte le informazioni utili a scegliere il modello adatto alle proprie necessità.

Scarica i cataloghi dei forni Visor, Diamond e Bull

Quale forno elettrico scegliere per una pizzeria?

Un altro elemento da tenere in considerazione nella scelta del forno per pizza elettrico è che ne esistono di diverse tipologie, due sono quelle principali:

  1. Forni elettrici modulari
  2. Forni elettrici a tunnel

I primi sono solitamente realizzati con camere di cottura totalmente rivestite in materiale refrattario e possono essere integrati con la funzione vaporiera.

Quest’ultima ha il vantaggio di permettere uno scambio graduale di calore tra la parte superiore del panetto e il cuore. Il risultato è una migliore lievitazione che garantisce leggerezza, friabilità e digeribilità dei prodotti.

I forni a tunnel, invece, sono dotati di un nastro trasportatore sul quale scorrono le pizze durante tutto il processo di cottura.

Inizialmente pensati per l’industria alimentare, oggi queste soluzioni sono diffuse anche in realtà più piccole, grazie all’introduzione di modelli dalle dimensioni sempre più compatte.

Forno elettrico per pizza: quali sono i migliori

I migliori forni elettrici per pizza professionali

Non tutte le pizzerie hanno le stesse necessità produttive, né offrono ai propri clienti la stessa tipologia di pizza.

Italforni, azienda specializzata nel settore dei forni elettrici e a gas, ha studiato a tal proposito diverse proposte per poter soddisfare ciascuna attività offrendo ad ognuna prestazioni di cottura elevate e consumi ridotti.

Tutti i forni elettrici della gamma dotati di suolo refrattario presentano le resistenze corazzate Hype inserite nel materiale refrattario che permettono di ridurre le dispersioni di calore verso l’esterno tagliando così le bollette elettriche.

Sono molteplici i modelli studiati per le pizzerie:

  • Visor e Diamond che offrono cotture sempre omogenee e uniformi
  • Bull, un forno elettrico particolarmente versatile dotato di sistema di controllo digitale della temperatura gestibile anche da remoto con smartphone
  • Caruso®, il nuovo forno elettrico per pizza pensato appositamente per le pizzerie napoletane che raggiunge fino a 530°C. Progettato per garantire le stesse prestazioni di cottura del forno a legna, ma con tutti i vantaggi dei migliori forni elettrici

Caruso® rappresenta la soluzione ideale per realizzare la vera pizza napoletana e al contempo aumentare la propria capacità produttiva, contenendo i consumi grazie a:

  1. Tecnologia “Refractory Stronger” con cui è realizzata la camera di cottura
  2. Piano di cottura in biscotto di Sorrento certificato che rilascia in modo omogeneo e costante il calore
  3. Funzioni Hi-Tech adatte a tutte le esigenze di cottura
  4. Possibilità di memorizzare diverse combinazioni di temperature

In conclusione, possiamo dire che il forno elettrico per pizza migliore è quello che riesce ad agevolare il lavoro e rispondere alle proprie esigenze produttive. Offrendo, al tempo stesso, performance di cottura sempre impeccabili e con un occhio di riguardo per il design se la cucina è a vista.

Scarica il atalogo del forno Caruso, specializzato in vera pizza napoletana

Guida completa al forno elettrico professionale: caratteristiche, utilizzi, costi e consumi

Guida completa alla scelta del forno elettrico professionale: tutto quello che c'è da sapere

Ad oggi i forni elettrici professionali sono i modelli più scelti e più diffusi per le pizzerie, i panifici e altre attività di ristorazione simili. Diverse le ragioni del successo: l’ottimo rapporto qualità prezzo, la versatilità di utilizzo, l’innovazione tecnologica, ma soprattutto l’affidabilità nel processo di cottura e la facilità di utilizzo.

In questo articolo scopriremo quali sono le principali tipologie di forni elettrici, analizzeremo i criteri per scegliere il forno elettrico professionale più adatto al proprio locale e vedremo quali caratteristiche non possono mancare al forno per definirsi di qualità.

Daremo poi uno sguardo ai nostri migliori forni elettrici in chiave di performance di cottura, tecnologia e integrazione con le funzioni di risparmio energetico.

In particolare, affronteremo i seguenti temi:

Iniziamo!

Cosa fare quando si compra un nuovo forno professionale?

Quando si decide di acquistare un forno nuovo per la propria pizzeria, occorre anzitutto valutare se optare per un tradizionale forno a legna, per un modello alimentato a gas oppure se puntare sulla tecnologia e sull’automatizzazione dei forni elettrici professionali di nuova generazione.

La scelta dipende dal tipo di prodotto offerto (pizza al taglio, pizza napoletana, focaccia, ecc.), dal numero dei coperti del locale, dal fatturato, dal tipo di clientela e dal budget a disposizione.

Per fare la scelta giusta è importante riuscire a mettere in relazione le caratteristiche del modello scelto con la propria dimensione imprenditoriale, le esigenze specifiche e il contesto in cui il forno stesso verrà utilizzato.

I forni elettrici professionali non sono tutti uguali, esistono delle fasce qualitative di cui tenere conto.

In linea generale, non bisognerebbe mai lesinare sul prezzo del forno, dal momento che la buona riuscita della pizza deriva in gran parte dalle sue performance di cottura.

Prima di focalizzarci sulle caratteristiche da ricercare nei forni elettrici professionali, vediamo anzitutto quali sono le principali tipologie.

Tipologie dei forni elettrici professionali per pizza

In base alla loro struttura, i forni elettrici professionali per alimenti si dividono principalmente in:

  • Forni elettrici modulari a più camere
  • Forni elettrici a tunnel

All’interno di ciascuna tipologia, i forni si differenziano poi per la capienza, per il design, per il livello di innovazione tecnologica, per la temperatura che riescono a raggiungere, per le caratteristiche specifiche e per le funzioni di cui sono dotati.

Alcuni modelli sono più adatti per cuocere la pizza, altri per cuocere pane e focaccia, altri ancora per i prodotti dolciari (torte, crostate, pasticceria).

Vediamo allora le caratteristiche delle due principali tipologie di forni elettrici.

Scegliere il forno lettrico professionale per la tua attività è importante: guida completa

Forni elettrici modulari a più camere

Progettati per cuocere molteplici tipologie di prodotti (pizza, pane, dolci), i forni elettrici modulari si caratterizzano per il design compatto salvaspazio e per la grande praticità e versatilità di utilizzo.

Con il forno modulare a più camere, infatti, è possibile cuocere contemporaneamente alimenti umidi e secchi garantendo la massima uniformità di cottura su tutti i vassoi.

Ma come avviene esattamente la cottura modulare?

Questi modelli di forni elettrici sono composti da più moduli (camere), sovrapposti l’uno sull’altro. All’interno delle diverse camere di cottura è presente un sistema di lastre refrattarie attraversate da resistenze corazzate. Tale sistema veicola la distribuzione del calore generato elettronicamente, consentendo una propagazione uniforme in tutta la camera.

Grazie alla possibilità di coordinare le resistenze superiori e inferiori presenti nelle camere di cottura, il forno elettrico modulare consente di gestire facilmente la quantità di calore trasmessa all’impasto dall’alto e dal basso, in base al tipo di pizza che si intende ottenere (più morbida, più croccante, ecc.).

Il pannello di controllo è lo strumento attraverso il quale è possibile impostare le temperature e controllare il grado di umidità con precisione e in modo completamente automatizzato.

Naturalmente, per poter mantenere una temperatura uniforme e costante all’interno della camera di cottura, garantendo prodotti cotti a puntino e in modo perfettamente omogeneo, gioca un ruolo fondamentale anche la qualità dei materiali. Il forno modulare, per essere considerato affidabile da questo punto di vista, deve essere realizzato in materiali dalle alte proprietà isolanti.

Tra i più performanti troviamo i piani realizzati in pietra refrattaria, che rendono possibile il risparmio energetico senza compromettere le elevate prestazioni di cottura in ogni punto della camera.

Inoltre, i forni elettrici modulari a più camere prevedono l’inserimento di una vaporiera, strumento indispensabile per poter cuocere prodotti con caratteristiche diverse senza alterare la loro natura, e di una cella di lievitazione indipendente e riscaldata che permette di gestire l’impasto della pizza in modo ottimale fino al momento della cottura, preservandolo da sbalzi di temperatura che potrebbero compromettere la qualità del prodotto.

Come detto, la versatilità e la praticità di utilizzo sono i punti di forza di questo modello di forno elettrico.

Grazie alla modularità è possibile personalizzare la struttura del forno in base alle proprie esigenze. Sul mercato si possono trovare forni in grado di cuocere fino a 9 pizze contemporaneamente per ciascuna camera di cottura.

Un ulteriore vantaggio è dato dalla possibilità di personalizzare anche le finiture e il design, come nel caso del nostro modello Diamond, perfetto per quelle pizzerie che puntano sul fascino del forno a vista. Diamond è la perfetta sintesi di performance tecniche e cura sul piano estetico.

Guida alla scelta del forno elettrico professionale per la tua attività: forno di design Diamond di Italforni

Forni elettrici a tunnel

I forni elettrici professionali a tunnel, versatili e pratici da utilizzare, si caratterizzano per la presenza di un nastro trasportatore sul quale vengono cotti gli alimenti. Il prodotto scorre sul nastro trasportatore attraversando tutta la struttura del forno a tunnel ed esce cotto a puntino dall’altra parte. L’unica cosa da fare, oltre a predisporre gli alimenti sul nastro, è regolare la velocità di scorrimento, che andrà a incidere anche sul tempo di cottura, e la temperatura.

Anche in questo caso, come già osservato a proposito della tipologia modulare, a fare la differenza e a determinare la buona riuscita (o meno) della cottura è soprattutto la qualità dei materiali in cui è realizzato il nastro trasportatore.

Il nastro può essere realizzato in acciaio o in pietra refrattaria. La prima soluzione, più economica, è adatta ai prodotti che non necessitano di grandi spinte di calore, mentre la pietra refrattaria, grazie alle sue elevate proprietà isolanti, garantisce una maggiore efficienza termica.

La struttura a tunnel, inizialmente appannaggio dei contesti industriali e ora diffusa anche nelle attività di ristorazione, grazie all’introduzione di modelli più compatti, è ideale per ottimizzare e diversificare la produzione.

Noi di Italforni abbiamo sviluppato due modelli di forno a tunnel elettrico compatto:

  • Tunnel Classic, dotato di nastro trasportatore con rete in acciaio inox ramata, è adatto a prodotti cotti su teglie dalla cottura rapida e ai lievitati bassi
  • Tunnel Stone Elettrico, caratterizzato dal nastro trasportatore in pietra refrattaria, è invece adatto ai prodotti da forno che necessitano di una spinta di calore più graduale e costante, come la pizza, il pane o i croissants

Passiamo ora ad analizzare i requisiti che dovrebbe avere un forno elettrico professionale, al di là della tipologia, per essere considerato di qualità.

Quali sono i migliori forni elettrici professionali per pizza?

Come scegliere il forno per pizza elettrico? Quali sono i parametri da valutare?

Come già accennato, la scelta giusta è quella che tiene conto della propria situazione contestuale.

Ad esempio, i forni elettrici a tunnel, come visto, sono quelli che consentono di ottenere la massima ottimizzazione della produzione, ma se la pizzeria è piccola o ancora in fase di start-up un forno del genere sarebbe persino controproducente.

Oppure, se il locale è specializzato nella pizza in teglia alla romana, non avrebbe senso acquistare Caruso®, il nostro forno specializzato in pizza napoletana.

Esistono però dei criteri oggettivi per valutare la qualità del forno elettrico, a prescindere dalla tipologia e dal modello, e sono le funzioni e i plus di cui è dotato.

Vediamo allora, quali caratteristiche cercare in fase di scelta per essere sicuri di acquistare un forno elettrico performante e innovativo.

Guida completa alla scelta del forno elettrico professionale: forno elettrico professionale Caruso di Italforni per cuocere la vera pizza napoletana

1. Uniformità della cottura

Uno dei requisiti chiave per oggettivare la qualità di un forno elettrico professionale è la sua capacità di mantenere la cottura costante e uniforme nelle varie zone della platea. A tal proposito è fondamentale la presenza delle lastre refrattarie e della regolazione separata della temperatura nelle diverse camere di cottura

2. Facilità di utilizzo

Il più grande vantaggio del forno elettrico, rispetto a quello a legna, è l’affidabilità durante il processo di cottura della pizza, ossia la minimizzazione del margine di errore.

Il forno elettrico è più pratico e facile da usare di quello a legna perché è supportato dalla tecnologia, che consente di:

  • Impostare, regolare e controllare la temperatura in modo completamente automatizzato
  • Memorizzare diverse combinazioni di temperatura

Grazie ai programmi pre-impostati e all’automatizzazione, il forno elettrico riduce al minimo il rischio di presentare a tavola un prodotto o troppo cotto o poco cotto, oppure una pizza cotta in modo disomogeneo.

3. Presenza di funzioni e accessori aggiuntivi

I modelli migliori sono quelli integrati con accessori che semplificano ulteriormente la gestione della cottura e migliorano la qualità del prodotto, come, ad esempio, la cella di lievitazione e la vaporiera.

Come usare bene un forno elettrico per pizzeria?

Per esaltare le proprietà dell’impasto e la genuinità degli ingredienti di condimento, è fondamentale che il forno elettrico professionale venga utilizzato al massimo delle sue potenzialità. Solo in questo modo sarà possibile distinguersi dall’agguerrita concorrenza offrendo ai clienti un prodotto unico e inconfondibile.

Riuscire a sfruttare al meglio i vantaggi e le dotazioni tecniche del forno elettrico significa:

  • Ottenere una pizza cotta a puntino
  • Velocizzare e snellire il lavoro in pizzeria

Entrambi gli aspetti determinano un aumento del fatturato.

Grazie alle performance del forno elettrico professionale, infatti, vengono migliorati sia l’efficienza produttiva che il servizio (maggior numero di pizze sfornate e tempi di attesa ridotti); e soprattutto, ai consumatori viene offerta una pizza di qualità, gustosa e ben cotta, che agevola la fidelizzazione dei clienti e incentiva il passaparola, che a sua volta porta nuovi clienti.

La velocizzazione del lavoro e l’aumento dell’efficienza produttiva sono legati anzitutto alla modularità del forno elettrico professionale, che presenta più ripiani per cuocere diverse pizze contemporaneamente e risparmiare tempo.

Forni elettrici professionali di nuova generazione: le soluzioni Italforni

Tra i nostri forni elettrici professionali troviamo i modelli Visor, Diamond e Bull, realizzati in pietra refrattaria e capaci di raggiungere elevate temperature (fino a 450 °C), garantendo una pizza di qualità eccellente, cotta in modo perfettamente omogenea.

Progettati con doppia o tripla camera di cottura e con un’altra serie di tecnologie e funzionalità (tra cui quelle di risparmio energetico che vedremo nel prossimo paragrafo), i nostri forni di nuova generazione consentono di regolare separatamente la temperatura nelle varie camere di cottura e di cuocere in modo uniforme sia nelle zone più calde che in quelle più fredde senza il rischio di sfornare pizze con parti più cotte o meno cotte di altre. Il tutto, minimizzando le dispersioni termiche e controllando i consumi energetici.

Caratteristiche simili per Tunnel Stone elettrico, che cuoce su lastre refrattarie e raggiunge la temperatura massima di 450° gradi. Questo forno professionale a tunnel, inoltre, consente di programmare 25 cicli di cottura, di modulare la velocità di scorrimento del cibo sul nastro e di regolare separatamente le temperature di cielo e piano garantendo consumi ridottissimi e cottura perfettamente uniforme.

A chi invece desidera fare il salto di qualità nella gestione della propria pizzeria specializzata in pizza napoletana, proponiamo Caruso®, il primo forno elettrico progettato per esaltare le proprietà del prodotto partenopeo, rispettandone tutte le caratteristiche. Grazie alla capacità di raggiungere temperature fino a 530°C, Caruso® garantisce le stesse performance di cottura del forno a legna, ma senza gli inconvenienti di quest’ultimo.

In sostanza, questo innovativo forno unisce tutti i vantaggi del forno elettrico, in termini di tecnologia, facilità di utilizzo, controllo automatizzato, e le performance di cottura ad altissime temperature che fino ad ora erano state appannaggio del forno a legna.

La qualità della pizza napoletana con Caruso® è garantita da una serie di caratteristiche specifiche tra cui:

  • Il piano di cottura in biscotto di Sorrento certificato, la cui struttura porosa in argilla e sabbia vulcanica permette di mantenere le temperature costantemente alte
  • La camera di cottura rivestita in pietra refrattaria
  • La tecnologia “Refractory Stronger”
  • La funzione di regolazione digitale della potenza della temperatura separata tra cielo e piano di cottura

Quanto consuma un forno elettrico professionale?

Complici gli incentivi statali, sono sempre più numerose le pizzerie e i ristoranti che decidono di installare i pannelli fotovoltaici per abbattere quasi del tutto i consumi energetici del forno (un forno elettrico con capacità di 4 pizze consuma mediamente tra i 4,6 kW e i 6 kW). E la tendenza non può che essere in aumento: le fonti di energia rinnovabile rappresentano il futuro.

Anche senza il sistema fotovoltaico, è possibile ridurre drasticamente i consumi scegliendo forni elettrici professionali dotati di specifiche funzioni di risparmio energetico.

I nostri modelli di forni elettrici sono progettati per garantire il massimo dell’efficienza energetica, associando elevati standard di cottura a funzioni in grado di contenere i consumi. Tra queste troviamo:

  • Modalità stand-by: con questa funzione è possibile risparmiare energia durante i momenti di inutilizzo del forno
  • Tecnologia “Heating Speed”: l’ultra velocità di riscaldamento velocizza la capacità produttiva del forno e, di conseguenza, consente di risparmiare sui consumi elettrici
  • Thermal Insulation e Strong Isolation: queste due funzioni, finalizzate ad aumentare l’isolamento termico del forno, sono fondamentali per ridurre le dispersioni termiche

Molto comoda anche la funzione di gestione del calore accumulato, che permette di risparmiare energia a fine servizio, ottimizzando ulteriormente i consumi.

Guida completa alla scelta de lforno elettrico professionale: costi, consumi e utilizzi

Quanto costa un forno elettrico da pizzeria?

Veniamo a un dato che incide molto sulla scelta del forno: il prezzo. Sono tanti i fattori che incidono sul costo finale di un forno elettrico professionale per pizzeria o ristorante.

Sotto i 1.000 euro troviamo solitamente i modelli base più economici, per poi salire gradualmente, fino ad arrivare a diverse migliaia di euro, in base alla dimensione/capienza del forno, alla qualità dei materiali, al livello di innovazione, alle funzioni di cottura, agli accessori, al design e all’affidabilità del brand.

Scelta del forno elettrico: la guida completa per non sbagliare

In questa guida abbiamo visto che i migliori forni elettrici sul mercato, come quelli targati Italforni, sfruttano la tecnologia per rendere la cottura automatizzata, riducendo al minimo i margini di errore.

Non solo. I nostri forni elettrici sono progettati anche per facilitare il più possibile l’utilizzo, per aumentare la versatilità di cottura e per ridurre i consumi energetici.

Non ti resta che scegliere il modello più adatto alla tua pizzeria.

Qual è il miglior forno elettrico per pizzeria?

Forno elettrico per pizzeria: qual é il migliore?

La strada per arrivare alla scelta del forno per pizzeria è disseminata di interrogativi: quali caratteristiche deve avere un buon forno? Come individuare il forno più adatto?

Una cosa è certa: la scelta deve tenere conto della propria dimensione imprenditoriale, del tipo di pizza che si intende offrire ai clienti e di quanto si vuole investire.

Se, ad esempio, la specialità del locale è la pizza napoletana, sarà meglio orientarsi verso un forno elettrico per pizzeria di ultima generazione progettato appositamente per cuocere ad altissime temperature, come Caruso®.

Nel prosieguo dell’articolo daremo uno sguardo sia a Caruso® che agli altri forni elettrici della nostra gamma, così da rendere più semplice l’individuazione del forno elettrico professionale più adatto alle tue esigenze.

Vedremo anche quanto consumano e quanto costano i forni professionali per pizzerie.

Cominciamo!

Quali caratteristiche deve avere un buon forno elettrico per pizzeria?

I forni elettrici di nuova generazione sono tra i più scelti dai professionisti del settore: automatizzati, facili da utilizzare, tecnologicamente avanzati, capaci di garantire prestazioni di cottura eccellenti e contenere i consumi energetici.

Non a caso, il mercato offre tantissimi modelli diversi, ognuno con le proprie peculiarità. In un’offerta così ampia, però, non è semplice orientarsi.

Come capire allora qual è il miglior forno elettrico per pizzeria? Il primo consiglio è quello di puntare sulla qualità e sull’affidabilità dell’azienda produttrice: risparmiare proprio sul forno, ossia lo strumento principe del mestiere, sarebbe una pessima idea.

Abbiamo visto poi quanto sia importante contestualizzare la scelta del forno alla propria dimensione lavorativa: che tipo di pizza offro ai clienti? Pizza al taglio o pizza napoletana? Quante pizze sforno al giorno?

Altrettanto importante è conoscere le caratteristiche imprescindibili per poter definire “di qualità” un forno elettrico per pizzeria.

Vediamo allora come riconoscere i migliori forni per pizza e quali requisiti valutare prima dell’acquisto.

Quali caratteristiche deve avere un buon forno elettrico per pizzeria

Cottura nel forno elettrico per pizzeria

I migliori forni elettrici garantiscono una cottura:

  • Omogenea. Uno dei principali indicatori della qualità del forno elettrico riguarda la sua capacità di cuocere in modo uniforme in tutte le zone della platea. Per avere una cottura omogenea non vi devono essere significative differenze di temperatura tra le pizze cotte a bocca di forno e quelle in fondo
  • Costante. Le lastre refrattarie e la regolazione automatizzata della temperatura consentono di rendere la cottura, oltre che omogenea, anche costante. Inoltre, la temperatura costante è garanzia di ottimizzazione dei consumi energetici
  • Modulabile. Con i forni elettrici di nuova generazione è possibile modulare la cottura impostando temperature differenziate fra la base del forno e il cielo
  • Versatile. I forni elettrici da preferire sono quelli che, oltre a permettere la modulazione della temperatura all’interno della camera, consentono anche di impostare programmi di cottura diversificati in base al prodotto (pane, pizza, focaccia, dolci, ecc.), per una cottura ancora più precisa.

Utilizzo del forno elettrico per pizzeria

La facilità di utilizzo è una delle prerogative dei forni elettrici, soprattutto se paragonati al forno a legna che non può contare sull’ausilio della tecnologia per gestire il processo di cottura in modo automatizzato e controllato.

Il livello di praticità di un forno elettrico per pizzeria si misura soprattutto sulla base della presenza di programmi di cottura preimpostata, di gestione automatica e semplificata della temperatura e di altri accessori, come la cella di lievitazione e la vaporiera, che possono semplificare la gestione del processo di cottura e migliorare la qualità del prodotto. Altri parametri che determinano la praticità del forno hanno a che fare con la bassa manutenzione e la facilità di pulizia.

Forno elettrico per pizzeria: caratteristiche. Bull di Italforni

Efficienza produttiva del forno elettrico professionale

Come accennato, il forno più adatto è quello che tiene conto della propria dimensione imprenditoriale. Se il locale ha pochi coperti non ha senso acquistare il forno elettrico più performante (in termini di efficienza produttiva) sul mercato, perché non è della quantità che abbiamo bisogno.

Se invece l’attività è in forte espansione, allora sì che ci servirà un forno elettrico capace di sfornare un gran quantitativo di pizze nel minor tempo e, se possibile, al minor costo energetico.

E qui arriviamo a un altro interrogativo molto diffuso quando si tratta di individuare lo strumento di cottura: quanto consuma un forno elettrico per pizzeria?

Forno elettrico per pizzeria: quanto consuma davvero?

Il consumo medio per un forno elettrico dalla capacità di 4 pizze oscilla tra i 4,6 kW e i 6 kW.

La prima regola per evitare gli sprechi e contenere i consumi è scegliere forni elettrici ad alta efficienza energetica: come i nostri forni progettati con una serie di funzionalità e accorgimenti strutturali finalizzati a ridurre drasticamente i consumi, pur mantenendo eccellenti performance di cottura.

Tra le funzioni di risparmio energetico della gamma Italforni troviamo:

  • Modalità stand-by: permette di risparmiare energia durante i momenti di inutilizzo del forno
  • Funzione di gestione del calore accumulato: consente di risparmiare energia sul finire del servizio
  • Tecnologia “Heating Speed” (ultra velocità di riscaldamento): questa funzione, velocizzando la capacità produttiva del forno, fa risparmiare anche sui consumi elettrici
  • Thermal Insulation e Strong Isolation: queste caratteristiche aumentano l’isolamento termico del forno e garantiscono una netta riduzione delle dispersioni termiche

Rispetto al tradizionale forno a legna, i forni elettrici modulari a più teglie e i forni a tunnel consentono di cuocere più pizze contemporaneamente: ciò rappresenta già di per sé un risparmio sui consumi elettrici.

Senza contare che l’aumento della capacità produttiva garantita dai forni elettrici si traduce in aumento degli incassi, con conseguente ammortamento dei consumi energetici.

Un’ultima considerazione sui consumi va fatta riguardo la possibilità di dotare la pizzeria di un impianto fotovoltaico (approfittando anche dei bonus statali), che consentirebbe di eliminare quasi del tutto i costi energetici per il funzionamento del forno.

Scarica i cataloghi Bull, Visor e Diamond

Quanto costa un forno elettrico per pizzeria?

Non possiamo infine non considerare il fattore budget, uno di quelli che incide maggiormente sulla scelta del forno.

Il costo di acquisto varia, anche in modo considerevole, in base alla qualità dei materiali, al brand, alle dimensioni, al design, alle funzioni e alle tecnologie di cui è dotato il forno e a molti altri fattori.

Un vantaggio importante è che il forno elettrico consente una maggiore modulazione della spesa iniziale. Pensiamo, ad esempio, ad un’attività in fase di start-up: in questo caso, se il potere d’acquisto è basso, si può pensare di iniziare con un forno elettrico di fascia media (magari con un ottimo rapporto qualità prezzo) e successivamente investire in un forno più performante (e più costoso).

Questa modularità non l’abbiamo invece con il forno a legna, il cui prezzo è più o meno sempre lo stesso, proprio perché manca la componente tecnologica, che è quella che nel modello elettrico fa oscillare maggiormente il prezzo.

Forni elettrici di nuova generazione: le soluzioni Italforni

Tra i nostri migliori forni elettrici per pizzeria troviamo i modelli Visor e Diamond, realizzati in pietra refrattaria, progettati con doppia o tripla camera di cottura e con un’altra serie di funzionalità che garantiscono eccellenti prestazioni di cottura (temperatura fino a 450 °C), minimizzando le dispersioni di calore e i consumi.

Anche il forno elettrico Bull, realizzato in materiale refrattario sia cielo che platea, con possibilità di regolare separatamente fino a 3 camere di cottura, consente di bilanciare la spinta di calore sia nelle zone più vicine alle fonti di calore che in quelle più lontane (più fredde) senza correre il rischio di parti più cotte o meno cotte di altre.

Grazie alle lastre in pietra refrattaria, i nostri forni elettrici riescono a garantire una pizza di qualità eccellente, cotta a puntino e in modo uniforme.

Anche il modello elettrico Tunnel Stone cuoce direttamente su pietra in refrattario, garantendo consumi ridottissimi e cottura perfettamente omogenea. Versatile e facile da usare, Tunnel Stone consente di regolare la velocità di scorrimento del cibo sul nastro e di regolare separatamente le temperature di cielo e piano cottura per ottimizzare la cottura dei diversi alimenti. Permette di programmare ben 25 cicli di cottura e raggiunge una temperatura massima di 450° gradi.

E che dire di Caruso®? Per la pizza napoletana si tratta della migliore scelta possibile: il suo segreto sta nella capacità di raggiungere temperature altissime, fino a 530°C.

L’eccellenza della qualità di cottura della pizza napoletana è assicurata anche dalla presenza del piano di cottura in biscotto di Sorrento certificato, con struttura porosa in argilla e sabbia vulcanica, che riesce a mantenere le temperature alte necessarie per cuocere la pizza napoletana durante tutto il processo di cottura.

Caruso® dispone anche della funzione di regolazione digitale della potenza della temperatura separata tra cielo e piano di cottura e della tecnologia “Refractory Stronger” con camera di cottura rivestita in materiale refrattario.

Forno elettrico per pizzeria: Caruso di Italforni

Per la tua pizzeria scegli la qualità dei forni elettrici Italforni

In questo articolo abbiamo visto come scegliere il miglior forno elettrico per pizzeria valutando le caratteristiche imprescindibili che lo stesso deve avere per garantire eccellenti prestazioni di cottura, efficienza produttiva, praticità di utilizzo e contenimento dei consumi energetici.

Ogni dettaglio dei forni elettrici della nostra gamma è stato progettato allo scopo di offrire ai clienti un prodotto eccellente e, al contempo, per semplificare il lavoro del pizzaiolo, ridurre i consumi e ottimizzare l’efficienza produttiva (e quindi gli incassi) del locale.

Cosa aspetti? Scegli il modello Italforni più adatto alla tua pizzeria.

Contattaci

Qual è il forno più adatto per cuocere la pizza napoletana?

Pizza napoletana: qual è il forno più adatto a cuocerla?

La pizza napoletana è stata riconosciuta come “patrimonio dell’umanità”. Proprio così: nel 2017 l’Unesco l’ha inserita nella lista dei patrimoni culturali intangibili. Un risultato che ci riempie di orgoglio e consacra quella che non è una semplice specialità culinaria, ma una vera e propria leggenda.

Come ogni leggenda che si rispetti, anche la pizza napoletana è contornata da un alone di “inviolabilità” che la rende speciale, inimitabile, e da una serie di miti che si sono tramandati nel tempo.

Tra questi, il più comune è quello secondo il quale il forno per pizza napoletana può essere solo quello a legna, in quanto l’unico capace di raggiungere le alte temperature necessarie a ottenere il prodotto secondo tradizione.

Se all’epoca in cui apparirono i primi esemplari di pizza napoletana, l’esclusività della cottura a legna aveva un senso (perché sostanzialmente non c’erano altri strumenti di cottura capaci di tenergli testa), oggi è del tutto anacronistica e si riduce a credenza popolare.

La tecnologia ha infatti reso possibile la produzione di forni elettrici che riproducono le performance di cottura del forno a legna, con l’aggiunta di alcune funzionalità che migliorano ulteriormente il processo di cottura. Funzionalità di cui un forno a legna, sprovvisto del supporto della tecnologia, non può disporre.

Oggi, dunque, la maggior parte delle pizzerie non utilizza più il forno a legna ma i forni professionali a gas ed elettrici, o, ancora meglio, dei forni elettrici specifici per cuocere la “vera” pizza napoletana, con tutte le sue unicità e le caratteristiche che la rendono inconfondibile.

Nel prosieguo dell’articolo vedremo proprio questo: quali sono oggi i forni per pizza napoletana più adatti e quali vantaggi comporta la scelta dei forni elettrici professionali di ultima generazione in termini di qualità del prodotto ed efficienza produttiva.

Ci soffermeremo in particolare sul nuovissimo modello di Italforni, Caruso®, il primo forno elettrico concepito appositamente per cuocere la pizza napoletana!

Iniziamo!

Come deve essere una vera pizza napoletana?

Prima di entrare nel vivo dell’articolo e scoprire qual è il forno più adatto alla cottura della pizza napoletana, soffermiamoci sulle caratteristiche che hanno reso la specialità partenopea celebre (e riconoscibile) in tutto il mondo.

In altri termini, perché la pizza napoletana è così speciale? Cos’ha di diverso da tutte le altre?

La vera pizza napoletana si riconosce perché:

  • Ha il cornicione alto. Il bordo alto circa 2 cm, gonfio e morbido (ma assolutamente non gommoso) serve a contenere il condimento, come se fosse un muro di cinta a protezione della bontà
  • Si piega “a portafoglio”. Se la consistenza è croccante e non permette di piegare la pizza a portafoglio siamo in presenza di un tentativo di imitazione. La vera pizza napoletana, infatti, è morbida, elastica e richiudibile su se stessa
  • Le dimensioni sono generose. Questa non è una regola tassativa, ma tendenzialmente la pizza napoletana è un po’ più grande dello standard e si attesta intorno ai 35 cm di diametro
  • La parte interna è sottile. A fare da contrappunto al cornicione alto abbiamo una parte centrale molto sottile, che idealmente non dovrebbe superare i 4 mm
  • Il colore non è omogeneo. Altro tratto distintivo della pizza napoletana è il colore, che non appare uniforme ma “maculato”: fondo dorato e mix di macchioline di bruciato sia sulla pasta che sul cornicione.

Ma come si prepara e cuoce una pizza così peculiare? Quali sono i passaggi corretti?

La tradizione napoletana prevede il rispetto di 3 regole fondamentali:

  1. Uso di soli 4 ingredienti per l’impasto: acqua, sale, lievito e farina
  2. Lunga lievitazione: non meno di 12/14 ore in ambiente caldo (tra 24 e 30 gradi) e umido (tra il 70 e l’80% di umidità)
  3. Cottura ad altissime temperature

“A quanti gradi deve esser portato il forno per la pizza napoletana?” è una delle domande più frequenti. Infatti, quello della cottura sembra essere il nodo centrale: il vero segreto della pizza napoletana.

Gli esperti dicono che la cottura deve essere rapidissima (un minuto, un minuto e mezzo al massimo) e condotta con temperature di almeno 380°C, ma preferibilmente tra i 450°C e i 485°C.

Sia la cottura rapida che le alte temperature servono a impedire alla struttura di cristallizzare, permettendo di ottenere la tipica consistenza morbida e pieghevole.

Forno per pizza napoletana: come deve essere quella vera

Qual è il miglior forno per pizza napoletana?

Come accennato, se in passato l’unico strumento di cottura capace di arrivare a queste temperature era il forno a legna, oggi esistono alternative più affidabili e più facili da utilizzare per il pizzaiolo.

Gli imprenditori che gestiscono una pizzeria o hanno intenzione di avviare un locale specializzato in pizza napoletana scelgono quasi sempre i forni elettrici di nuova generazione, in particolare un forno per pizza napoletana specifico come Caruso®, in quanto assicura la stessa potenza di cottura del forno a legna, ma con molti vantaggi in più.

In sostanza, preferiscono investire su uno strumento di cottura performante come il forno a legna, ma che, rispetto a quest’ultimo, sia anche in grado di ridurre al minimo i rischi di errori di cottura e velocizzare/semplificare la gestione del lavoro, con conseguente aumento del fatturato.

Tutti i vantaggi dei forni elettrici per pizza

Il forno a legna, come sappiamo, non può trarre vantaggio dalla tecnologia, al contrario dei forni elettrici che invece si evolvono costantemente proprio grazie ai progressi dell’innovazione tecnologica.

I forni elettrici, dunque, offrono una serie di vantaggi importantissimi per un imprenditore che, oltre a garantire ai clienti un prodotto di eccellente qualità, deve anche far quadrare i conti e assicurare un’organizzazione efficiente del lavoro.

I nostri modelli di forni elettrici – Visor, Bull, Diamond, Tunnel Classic, Tunnel Stone – realizzati appositamente per massimizzare la qualità di cottura della pizza e aumentare l’efficienza produttiva, garantiscono:

  • Cottura omogenea
  • Regolazione digitale separata per potenza tra cielo e piano di cottura
  • Facilità di utilizzo
  • Capienza modulabile in base alle esigenze
  • Funzioni di risparmio energetico

Vediamo ora le caratteristiche specifiche di Caruso®, il primo forno per pizza napoletana che garantisce le stesse prestazioni di cottura del forno a legna, raggiungendo una temperatura massima di 530°C.

Forno per pizza napoletana: Tunnel Stone elettrico di Italforni

La migliore pizza napoletana con Caruso®

Per ottenere una pizza napoletana d.o.c., digeribile, gustosa e cotta in modo uniforme in tutte le sue parti, è fondamentale seguire con attenzione tutti i passi necessari: l’impasto, la lievitazione, la fase del condimento e naturalmente la cottura. Per quest’ultimo step la scelta del forno è fondamentale.

Nel momento in cui si decide di investire su uno strumento di cottura professionale, è importante capire quali sono i modelli sul mercato più adatti alla propria attività. Nel caso del locale che serve pizza napoletana, la scelta non potrà che orientarsi sui forni elettrici capaci di raggiungere temperature elevate, visti i tanti vantaggi che offrono rispetto al forno a legna.

Caruso®, il nostro ultimo nato, è la scelta migliore in assoluto per chi ha deciso di specializzarsi in pizza napoletana.

Caruso®, infatti, garantisce le stesse prestazioni di cottura del forno a legna, ma con tutti i vantaggi tipici del forno elettrico, a cominciare dalla capacità di ottenere cotture perfettamente uniformi.

Vediamo allora in cosa si differenzia il forno per pizza napoletana Caruso® rispetto agli altri modelli.

  • Capacità di raggiungere fino a 530°C
  • Capacità di mantenere alte le temperature durante tutto il processo di cottura grazie al piano di cottura in biscotto di Sorrento certificato, con struttura porosa in argilla e sabbia vulcanica, che rilascia il calore in modo costante e uniforme
  • Gestione automatica e semplificata della temperatura di cottura
  • Possibilità di memorizzare diverse combinazioni di temperature
  • Camera di cottura rivestita in materiale refrattario (Tecnologia “Refractory Stronger”)
  • Elevata resistenza agli shock termici da contatto diretto, resistenza all’abrasione e alle sostanze chimiche grazie alla mensola ergonomica in Monolite Ipergres®
  • Capacità di aumentare la capacità produttiva e risparmiare sui consumi elettrici grazie alla Tecnologia “Heating Speed” (ultra velocità di riscaldamento)

Inoltre, il forno elettrico Caruso®, rispetto al forno a legna, è più facile da utilizzare e gestire, si pulisce meglio e richiede pochissima manutenzione.

Forno per pizza napoletana: Caruso di Italforni

Forno per pizza napoletana: scegli la qualità Italforni

Quali sono i forni più adatti alla cottura della pizza napoletana? Per rispondere a questa domanda siamo partiti anzitutto dalle caratteristiche “fisiche” della specialità partenopea, dai suoi elementi peculiari, quelli che l’hanno resa così amata e riconoscibile in tutto il mondo.

Abbiamo visto che per ottenere una pizza con la consistenza morbida e pieghevole, con la parte interna sottile, con il tipico colore maculato e il cornicione alto, gonfio ma non gommoso, è fondamentale cuocere per pochi secondi e a cotture altissime, tra 450°C e 485°C.

Se un tempo ciò era possibile solo con il forno a legna, oggi la maggior parte delle pizzerie (anche quelle di Napoli) preferisce orientarsi su soluzioni più affidabili in termini di tecnologia, efficienza produttiva e praticità di utilizzo.

La scelta ottimale è ormai quella del forno elettrico, in particolare del forno per pizza napoletana con caratteristiche specifiche, come Caruso di Italforni, l’unico in grado di assicurare le temperature altissime richieste dalla pizza napoletana e numerosi altri vantaggi, tra cui il risparmio energetico, la versatilità di utilizzo e la presenza di funzioni che automatizzano il processo di cottura riducendo al minimo il rischio di errore.

Perché scegliere i forni elettrici professionali Italforni per la tua pizza napoletana

Pizza napoletana: perché scegliere i forni elettrici professionali

Preparare la pizza napoletana secondo tradizione presuppone il rispetto di semplici regole che hanno a che fare con l’impasto, la lievitazione e la cottura.

Ma cosa significa “secondo tradizione”? Quali sono le regole da seguire per cuocere il prodotto culinario simbolo del Made in Italy?

Per lungo tempo il forno a legna è stato considerato l’unico all’altezza di sfornare la “vera” pizza napoletana. Poi qualcosa è cambiato: complice l’avanzare dell’innovazione tecnologica, il forno a legna è stato pian piano sostituito da modelli di forni elettrici o a gas sempre più efficienti e sofisticati.

Ancora oggi naturalmente c’è chi si trova bene con la cottura a legna, ma la stragrande maggioranza delle pizzerie specializzate nel prodotto campano ha preferito puntare sulle performance dei forni elettrici professionali per pizza napoletana.

Il perché è semplice: scegliendo i migliori forni elettrici sul mercato è possibile ottenere la stessa qualità di cottura garantita dal forno a legna ma senza gli svantaggi di quest’ultimo (e con tutti i vantaggi del primo!).

E vedremo perché, tra i tanti modelli in circolazione, conviene scegliere proprio i forni elettrici della gamma Italforni. Cosa li distingue? Quali vantaggi offrono?

Daremo un’occhiata alle caratteristiche uniche dei modelli, focalizzandoci in particolare su quelli progettati per raggiungere determinate temperature e garantire le altre condizioni necessarie a mettere in tavola una pizza napoletana a regola d’arte!

Iniziamo.

Scarica i cataloghi dei forni Visor, Diamond e Bull

Come riconoscere la vera pizza napoletana

Per capire quali elementi deve avere il forno elettrico per ritenersi idoneo a cuocere la pizza napoletana, è fondamentale anzitutto conoscere il “design” del prodotto, vale a dire le sue unicità, le caratteristiche fisiche che la rendono diversa da tutte le altre e immediatamente riconoscibile.

La pizza napoletana doc:

  • Ha il cornicione alto, gonfio e soffice
  • Si piega “a portafoglio”: la consistenza della pasta è morbida ed elastica e la parte interna è sottile (massimo 4 mm)
  • Ha una colorazione “maculata”: sia il cornicione che la pasta presentano un mix di doratura e macchioline di bruciato
  • È grande: la generosità delle dimensioni (circa 35 cm di diametro) è un tratto distintivo della pizza napoletana

A parte la dimensione, le altre caratteristiche dipendono in gran parte dalla cottura.

Ad esempio, se il cornicione, anziché essere soffice, è gommoso, oppure, se la consistenza croccante non consente di piegare la pizza a portafoglio, significa che qualcosa è andato storto durante la cottura. Molto probabilmente il forno utilizzato non è adatto a ottenere la specifica consistenza e conformazione della pizza napoletana.

Perché scegliere i forni elettrici professionali: come riconoscere la vera pizza napoletana

Quali sono i forni elettrici professionali per pizza napoletana?

Sappiamo che, al di là della tipologia di pizza che prepariamo nel nostro locale, il forno è fondamentale per ottenere un prodotto ben cotto, gustoso e digeribile.

Una pizza è ben cotta anzitutto quando la cottura risulta omogenea: tutte le parti sono cotte allo stesso modo, non vi sono punti bruciati o punti poco cotti.

Con il forno a legna, ottenere una cottura omogenea è molto più difficile che con i moderni forni elettrici professionali per pizza.

Infatti, con il forno a legna il rischio di sfornare pizze cotte in modo non perfettamente uniforme o di ottenere una pizza napoletana con il cornicione gommoso o con l’interno “scrocchiarello” è molto elevato: anche il migliore dei pizzaioli può sbagliare se non supportato dalla tecnologia e dall’automazione delle funzioni di cottura che, invece, troviamo nel forno elettrico.

Ecco perché i forni elettrici professionali sono la scelta più sicura e più efficiente per il buon andamento della tua pizzeria.

Ovviamente, però, bisogna saper scegliere i modelli migliori. Alcuni forni sono più performanti di altri. Alcuni, addirittura, come il nostro innovativo forno Caruso®, sono progettati appositamente per ottenere i migliori risultati con la cottura della pizza napoletana.

I migliori forni elettrici per pizza sono quelli che sfruttano tutte le potenzialità dell’innovazione tecnologica per:

  • Aumentare l’efficienza produttiva e, di conseguenza, il fatturato
  • Facilitare il lavoro del pizzaiolo e minimizzare così i rischi di errori durante la cottura della pizza
  • Contenere i consumi elettrici

I forni elettrici professionali per pizza napoletana devono riuscire a raggiungere temperature molto elevate (intorno ai 500°C), perché è proprio a queste temperature che si cuoce la specialità partenopea.

Anche la facilità di utilizzo è importante. I forni elettrici presentano funzioni programmate e impostate il cui margine di errore in cottura è pressoché nullo.

In questo modo, oltre a garantire ai clienti sempre un’ottima pizza napoletana, cotta in modo uniforme e con il classico effetto maculato, potrai incrementare la produzione e azzerare gli sprechi.

Perché scegliere i forni elettrici professionali per la pizza napoletana: Visor di Italforni

Forni elettrici professionali per pizza napoletana: le soluzioni Italforni

I nostri forni elettrici professionali per pizza – Diamond, Bull, Visor – e i forni elettrici a tunnel rappresentano il perfetto connubio tra prestazioni tecniche, facilità di utilizzo, efficienza energetica e design innovativo e contemporaneo.

Ecco alcuni dei principali plus della nostra gamma di forni elettrici professionali per pizza:

  • Doppia o tripla camera di cottura in pietra refrattaria
  • Funzione Hyper T-Heating, che consente la regolazione digitale separata temperatura cielo e piano cottura (per ottenere una cottura omogenea)
  • Funzione Plus Capacity (+30% di capacità di cottura rispetto ai forni tradizionali)
  • Cella di lievitazione sotto le camere di cottura
  • Cappa di aspirazione dei fumi
  • Funzioni Thermal Insulation e Strong Isolation che garantiscono un eccellente isolamento termico e una drastica riduzione delle dispersioni termiche
  • Riscaldamento ultraveloce
  • Funzione di gestione del calore accumulato (per risparmiare energia a fine servizio)
  • Modalità stand-by, che consente di risparmiare energia durante i momenti di inutilizzo del forno

Abbiamo pensato anche ad un forno elettrico professionale specializzato in pizza napoletana: si tratta di Caruso®.

Conosciamolo meglio.

Scarica il atalogo del forno Caruso, specializzato in vera pizza napoletana

Perché scegliere Caruso®, il primo forno elettrico professionale per pizza napoletana

Cos’ha di speciale Caruso®? Perché sceglierlo per la propria pizzeria?

Caruso® è il primo forno elettrico professionale che garantisce le stesse prestazioni di cottura del forno a legna, riuscendo a raggiungere temperature altissime, fino a 530°C.

Grazie a una serie di accorgimenti strutturali progettati appositamente per la cottura della pizza napoletana, Caruso® è la soluzione ideale per le pizzerie specializzate nel prodotto partenopeo.

Allo stesso tempo, con questo innovativo forno elettrico è possibile aumentare la capacità produttiva del locale e contenere i consumi elettrici.

Ecco le sue principali caratteristiche e funzionalità:

  • Piano di cottura in biscotto di Sorrento certificato: la struttura porosa in argilla e sabbia vulcanica consente di cuocere la pizza napoletana mantenendo alte le temperature durante tutto il processo di cottura, rilasciando il calore in modo costante e omogeneo
  • Tecnologia “Refractory Stronger” con camera di cottura rivestita in materiale refrattario
  • Sistema digitale per la regolazione separata della potenza della temperatura tra cielo e piano di cottura
  • Gestione automatica e semplificata della temperatura di cottura
  • Possibilità di memorizzare diverse combinazioni di temperature

Caruso® è anche implementato con le varie funzioni di risparmio energetico già osservate per gli altri forni elettrici Italforni, tra cui la funzione Heating Speed (riscaldamento ultraveloce), che, oltre a utilizzare in modo furbo l’energia elettrica, permette di velocizzare la cottura delle pizze e dunque di aumentare la produzione.

Perché scegliere i forni elettrici professionali per pizza napoletana: Bull di Italforni

Forni elettrici professionali Italforni: perfetti per la “vera” pizza napoletana

Sono tante le domande da porsi prima di investire nello strumento di cottura per il proprio locale.

Se hai intenzione di gestire un’attività specializzata in pizza napoletana, il primo aspetto di cui tenere conto è la temperatura. Prima di acquistare verifica la temperatura massima che può raggiungere il forno professionale che hai individuato.

Secondo tradizione, infatti, la cottura della pizza napoletana necessita di temperature altissime (480-500°C), ossia quelle raggiunte dai forni a legna.

A che temperatura cuocere invece la pizza nel forno elettrico? E quanto tempo deve cuocere la pizza nel forno elettrico professionale? I parametri e i valori sono gli stessi, a prescindere dal tipo di forno.

Anche nel forno elettrico una pizza napoletana doc deve cuocere per pochi secondi e a temperature intorno ai 500°C.

La vera domanda da farsi, a questo punto, sarebbe: esiste un forno elettrico professionale per pizza napoletana che possa raggiungere temperature così elevate e garantire le stesse performance di cottura del forno a legna? E quanto consuma un forno elettrico per pizza di questo tipo?

È Italforni a rispondere a tutte queste domande. La nostra azienda è specializzata nella produzione di forni elettrici in grado di raggiungere elevate temperature.

Grazie alle funzioni di cottura automatizzata, alla regolazione digitale e alla gestione separata della temperatura tra cielo e platea, la cottura della pizza risulta sempre omogenea. Tante anche le funzionalità per contenere i consumi elettrici e quelle per rendere sempre più agevole il lavoro del pizzaiolo, riducendo drasticamente i rischi di errore durante la cottura.

Per la pizza napoletana abbiamo addirittura pensato a un forno ad hoc, Caruso®, che raggiunge fino a 530°C di temperatura ed è progettato in ogni minimo dettaglio per garantirti un prodotto eccellente, degno della grande tradizione partenopea.

Contattaci per richiedere informazioni