VETRO E CERAMICA

Forni per cuocere e modellare oggetti

Due materiali da trattare molto diversamente

Non solo food. La specializzazione di Italforni va al di là della sola produzione di forni per alimenti e si estende anche allo sviluppo di calore necessario per la realizzazione di oggetti in vetro e ceramica.

Di fatto, sono processi molto diversi. In un caso il forno serve a finalizzare il lavoro, mentre nell’altro il suo utilizzo investe anche le fasi intermedie.

Per la ceramica si tratta della cottura conclusiva, che segue e rende permanente la modellazione avvenuta in precedenza. La temperatura quasi sempre supera i 1000 gradi centigradi, fino a livelli che dipendono dal tipo d’argilla.

Il ciclo di cottura dura molte ore e occorre tenerlo attentamente sotto controllo. Le curve di crescita e decrescita della temperatura variano a seconda dell’impasto e vanno preimpostate in modo preciso, per evitare fragilità o deformazioni nell’oggetto. Per il vetro, invece, si parla di fusione. Essa rappresenta un passaggio fondamentale, che definisce anche il grado

di piegatura e la presenza di decorazioni. La temperatura necessaria cambia in base alla tipologia di vetro, ma di solito è fra i 500 e i 1.600 gradi centigradi.

Calore e tempistiche vanno gestite attentamente, tenendo conto anche delle diverse lavorazioni che si intende effettuare, come soffiatura, curvatura o stampaggio, per le quali la temperatura va ogni volta aumentata di nuovo.

Solo dopo la fase successiva, ossia il raffreddamento, l’oggetto in vetro assume una forma definitiva.

Proprio a causa delle grandi differenze nella creazione di oggetti in vetro e ceramica, Italforni propone una serie di prodotti molto specializzati, studiati per ottenere il massimo da ognuno dei due materiali.

Scopri i nostri forni per vetro e ceramica

Moltissimi modelli studiati appositamente per la manifattura dei due materiali, per un controllo impeccabile della temperatura in ogni fase di lavorazione.

Prodotti speciali per lavorazioni ad alta temperatura

Nel caso della ceramica, la gamma Italforni mette a disposizione moltissime scelte. Ad esempio il modello elettrico Euro, caratterizzato da 20 temperature impostabili, che possono essere memorizzata in un massimo di 15 programmi, oppure il modello più ridotto Mikro. Sono disponibili anche forni a gas, come Tva, Turbogas e Tvr.

Per le ceramiche a pasta compatta, come porcellane e gres, suggeriamo di utilizzare le nostre linee dedicate, a suola fissa o mobile, oppure il modello più piccolo Jolly (solo porcellana).

Infine, per la cottura della pietra lavica, il nostro catalogo offre un forno ad hoc, con regolazione separata “alto/basso”, gestione automatica della serranda del camino e raffreddamento rapido ausiliario.

Per quanto riguarda il vetro, i nostri forni specializzati sono esclusivamente elettrici, vista la necessità di abbassare ed alzare di continuo la temperatura nei vari momenti della lavorazione.

Solo così è garantita una perfetta fusione e curvatura del materiale e una decorazione efficiente e funzionale.

Gli oblò periferici permettono un controllo visivo ottimale della camera, rivestita in fibra ceramica.

Il modello VTR-C è un forno a carrello, con struttura in tubolare e pannellatura in lamiera d’acciaio pressopiegata. L’apertura è servoassistita, a campana.

VTR-160, 200 e 250 hanno la struttura e la pannellatura in lamiera d’acciaio pressopiegata. In questo caso l’apertura è elettrica, a conchiglia.

VTR/C-35, 50 e 100 sono invece modelli di dimensioni più ridotte, con apertura a conchiglia supportata da pistoni a gas.

Dal punto di vista dell’elettronica, il quadro di controllo dei forni mette a disposizione dell’utente 15 programmi, 30 nel modello VTR-C.

Tutti i prodotti sono studiati per raggiungere velocemente un calore elevato, per una migliore qualità del prodotto finito.

Sei interessato a questi prodotti? Hai dubbi o domande?

CONTATTACI

saremo felici di aiutarti!



    Iscriviti alla Newsletter

    Resta aggiornato sulle ultime novità dei prodotti Italforni.